Rotonda – Matera 2-1: tabellino, highlights, pagelle, risultati e classifica

Di Giuseppe Abbatino

Il Tabellino

Rotonda-Matera 2-1

Reti: 31° p.t. Infantino, 38°s.t Fernandez (Rot), 41° s.t. Cajazzo (Rot)

ROTONDA: Sakho, Barile (14° s.t. Attiye), Fusco, Brunet, Alari, Callegari, Cajazzo, Timmoneri (27° s.t. Dridi), Fernandez, Kruzikas (1° s.t. Leal), Mirante (27° s.t. Desabato).

A disposizione di mister Pagana : Njie, Carrozzino, Leal, Desabato, Faust, Marino, Dridi, Bran, Attye

FC MATERA: Della Pina, Delvino, Macanthony, Sepe, Agnello (39° s.t. Prado), Porro (42° s.t. Porro), Maltese, Gningue, Russo (34° s.t. Russo), Infantino (23° s.t. Di Palma), Ferrara.

A disposizione di mister Panarelli: Paparella, Pellegrini, Montanino, Mokulu, Prado, Lucas, Mollica, Cittadini, Di Palma.

Note: Spettatori 400 circa con 150 tifosi biancoazzurri. Angoli 4-3 per il Matera. Ammoniti: Di Palma e mister Panarelli per il Matera, Alari, Dridi, Desabato, Fernandez e Sakho per il Rotonda.

Arbitro: Marco Aurisano di Campobasso, coadiuvato da Federico Zugaro di L’Aquila e Matteo Siracusano di Sulmona.

 

Le pagelle

Della Pina 5: Nel primo tempo non viene mai chiamato in causa nonostante il predominio territoriale del Rotonda. Sporca i guantoni al 18° del secondo tempo quando vola alla sua sinistra per deviare un tiro dalla lunga distanza di Mirante e per questo meriterebbe un 7 in pagella, voto 3 per l’uscita a vuoto sul innocuo cross a campanile di Cajazzo dalla lunga distanzache porta al pareggio di Fernadez.

Sepe 5: Spesso si fa prendere dalla frenesia nella giocata, preferisce il lancio lungo invece di appoggiare palla ai centrocampisti, i suoi lanci sono spesso imprecisi e facile preda della difesa avversaria. Confusionario

Delvino 5: Il pareggio di Fernandez arriva dalla sua zona difensiva lasciata impropriamente scoperta, Della Pina ci mette del suo e la frittata è fatta.

Macanthony 6: Chiamato nel difficile ruolo di sostituire Cipoletta al centro della difesa, svolge il suo compito in modo egregio, infatti Pagana nel secondo tempo toglie Kruzikas che fino ad allora era stato anticipato puntualmente dal giovane difensore materano.

Agnello 4,5: Ritorna titolare e viene schierato davanti alla difesa come playmaker con il compito di impostare la manovra biancoazzurra, manovra che latita, non entra mai in partita. Un’ombra.

Maltese 4: Dopo alcune prestazioni positive, si perde tra i boschi del Pollino, assurda la sua scelta di non calciare in area una palla su una punizione a centrocampo con tutta la difesa materana spostatasi nell’area avversaria, preferisce dribblare e perdere un pallone malamente che porta al contropiede al goal vittoria di Cajazzo. Disperso!

Porro 4,5: Non incide mai sulla corsia di destra, non riesce a creare una superiorità numerica, ha una buona corsa ma con la testa bassa, alzarla ogni tanto aprirebbe orizzonti diversi. Condivide con Delvino e Della Pina il pasticcio difensivo che portano al pareggio del Rotonda.

Gningue 5: Era stato l’assist-man di Manfredonia, si era confermato su buoni livelli anche nel pareggio con la Palmese, oggi ha fatto non uno ma due passi indietro, come il suo collega Porro, non incide mai sulla gara.

Infantino 6,5: Fa a sportellate con i difensori avversari, cerca di fare salire la squadra nei momenti di difficolta, fatica nel creare occasioni per le poche palle che riceve dai suo compagni che non lo mettono nelle condizioni di far male, poi quando gli capita l’occasione in area è sempre una sentenza, e a Rotonda conferma la sua vena di bomber,

Russo 5,5: L’unico nel centrocampo materano che cerca di creare qualcosa, fa una buona partita, ha sul groppone l’errore a tu per tu con il portiere Sakho, mandando la palla sul palo, dal possibile 2 a 0, arriva poi il ribaltone del Rotonda.

Ferrara 5: Corre, lotta, sgomita, ma non è il Ferrara targato 2022/23, questa è la sua versione opaca, a questo Matera mancano le giocate del suo capitano.

Prado, Lucas, Di Palma, Mokulu S.V.: pochi minuti giocati per poter dare un giudizio.

Gli hihglights